Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

PEPPINO IMPASTATO

Immagine dell'articolo

Ieri 9 Maggio ci sono state tante celebrazioni in seno alla Giornata in memoria delle vittime del terrorismo, data che ci ricorda momenti molto tristi della storia del Nostro Paese. E’ infatti in quel giorno nefasto che  venne rinvenuto il corpo di Aldo Moro(9 Maggio 1978), ex-Presidente del Consiglio trucidato dai terroristi delle Brigate Rosse, ma quella stessa sera morì anche Giuseppe, detto "Peppino" Impastato.

Giuseppe Impastato, detto”Peppino” nacque il 5 gennaio 1948 a Cinisi, in provincia di Palermo, da Felicia Bartolotta e Luigi Impastato. La sua storia è straordinaria perché ai tempi fu uno dei pochi a denunciare le realtà mafiose, che in molti ancora fingevano di non vedere, ma nonostante lui stesso proveniva da una famiglia affiliata al crimine organizzato ebbe il coraggio di fare una scelta differente, di stare dalla parte della legalità

In quegli anni il clima mafioso era molto radicato all’interno delle realtà sociale in cui viveve Peppino, sua sorella aveva sposato il boss Cesare Manzella, mentre lo stesso papà Luigi era un amico di Gaetano Badalamenti, il capomafia della zona che, come soleva dire lo stesso Peppino, abitava «a cento passi» da casa sua.

Peppino però fece scelte diverse, dedicò la sua breve vita alla lotta attiva per la legalità e giustizia e ancora giovanissimo iniziò una febbrile attività di studio e azioni politiche. Divenuto giornalista infatti, Peppino si schierò dalla parte degli oppressi, organizzò proteste e manifestazioni, e fondò il circolo Musica e Cultura per dare voce ai giovani di Cinisi.

Fu il fondatore di Radio Aut, nel 1977, dove lui stesso conduceva una trasmissione in cui denunciava i traffici loschi di Cosa Nostra (la mafia siciliana) e prendeva in giro politici e malavitosi e attraverso le sue parole tanti siciliani trovarono finalmente il coraggio di unirsi alla sua battaglia.

Ovviamente le sue parole non potevano che dare fastidio a chi fino a quel momento conduceva loschi affari  e il Il 9 maggio 1978  Peppino Impastato venne ritrovato nei pressi di un binario ferroviario  ucciso e dilaniato da una carica di esplosivo.

Inizialmente si parlò di  un atto terroristico finito male e addirittura di suicidio, ma tutti sapevano che la mano dietro all'efferato omicidio era quella di Cosa Nostra.

Grazie al coraggio e alla tenacia della madre Felicia e del il fratello Giovanni che si ribellano ai lacci che li legavano all'ambiente mafioso e presentarono alcune prove le che  riconducevano la responsabilità del delitto proprio a Don Badalamenti, l'amico del padre di Peppino così le  indagini furono riaperte.

Oggi Peppino è un simbolo di legalità, un esempio di coraggio e coscienza civile, a cui i giovani, non solo siciliani, si ispirano con ammirazione, portando avanti la lotta alla legalità che lui aveva iniziato

Solo 20 anni dopo nel novembre del 1997, venne emesso un ordine di cattura per Gateano Badalamenti, incriminato come mandante degli assassini e nel 2002 Badalamenti e il suo vice, Vito Palazzolo, furono condannati rispettivamente all'ergastolo e a 30 anni di reclusione . Entrambi morirono poco dopo.

Ora Peppino non c'è più, ma la sua attività ha ispirato film, libri e canzoni, innalzandolo ad un'icona nella lotta alla cultura mafiosa che pultroppo ancora oggi infesta troppe zone del nostro Paese

10/05/2022

Inserisci un commento

Nessun commento presente

In evidenza

15 GIU 2022

IL VAIOLO DELLE SCIMMIE SI STA DIFFONDENDO IN EUROPA

L’OMS è in allarme

10 GIU 2022

‘PROSPETTIVA ARCHIVI’: IL PRIMO PORTALE CON 30 MILA FOTO STORICHE

La Fondazione Fiera Milano, per valorizzare il patrimonio archivistico, ha messo online le immagini del proprio Archivio.

08 GIU 2022

SALARIO MINIMO: NON SI RIESCE A TROVARE UN'INTESA

La direttiva UE non riesce ad essere recepita per la mancanza di un accordo tra le parti sociali

06 GIU 2022

FESTIVAL DEL CINEMA DI ROMA 2022

Dal 13 al 23 ottobre 2022 si terrà la diciassettesima edizione della Festa del Cinema di Roma

01 GIU 2022

NEI PROSSIMI GIORNI CALDO INTENSO IN TUTTA ITALIA

L’apice dell’ondata di caldo sarà raggiunto tra venerdì e sabato

31 MAG 2022

ROMA: TOMBA DI ‘ALFREDINO’ PROFANATA CON SVASTICHE

Il bambino morì nel 1981, dopo esser caduto in un pozzo a Vermicino.

25 MAG 2022

LA GUERRA DEL GRANO RUSSA

Il conflitto in Ucraina sta creando non solo instabilità alimentare, ma anche politica in molti Paesi dipendenti dalle forniture di grano dai Paesi in guerra

24 MAG 2022

IL 12 GIUGNO "ELECTION DAY"

Insieme alle elezioni amministrative, tutti i cittadini italiani sono chiamati alle urne per esprimersi su 5 quesiti referendari in tema di giustizia

23 MAG 2022

NELLA VALLE DEI TEMPLI DI AGRIGENTO RITROVATI DUE ORDIGNI RISALENTI ALLA SECONDA GUERRA MONDIALE

L’area è stata subito delimitata, gli artificieri procederanno alla rimozione

19 MAG 2022

IL CUBO DI RUBIK

Il famosissimo rompicapo fu inventato il 19 Maggio 1974