Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

UN AMORE DI MAMMA DISTORTO , PER I FRATELLI BIANCHI

Immagine dell'articolo

Simonetta Di Tullio, la madre dei fratelli Marco e Gabriele Bianchi, che stanno scontando la pena per il pestaggio fatale ai danni di Willy Monteiro Duarte, sostiene che i figli sono innocenti.

Stupita del risalto mediatico che è stato dato alla tragedia, si è lanciata in dichiarazioni da brivido durante i colloqui in parlatorio: Non è mica morta la regina“, ha detto a Gabriele.

A Gabriele ha dunque promesso che, quando sarà tutto finito, “quante persone mi levo dananzi (davanti).. quante!”.

Convinta dell’innocenza dei figli, ha infatti concluso che una volta che questa sarà a suo dire dimostrata saremmo soltanto noi famiglia a casa mia".

Un’altra cosa invece è la mamma di Willy, grande donna, sempre composta nel suo immenso dolore anche quando il 6 settembre dell’anno scorso ha ricevuto una telefonata nella sua casa a Paliano con cui le è stato detto che il figlio era stato appena ucciso senza un perché nella vicina Colleferro, che da allora vive nel ricordo di quel giovane dagli occhi buoni.

La donna, ovviamente distrutta dal dolore per la perdita così assurda del figlio, a dire di tutti un ragazzo specialeeducato, generoso…fino alla morte (lo possiamo dire pultroppo) , non perde un’udienza del processo, senza mai dire una parola e limitandosi a coprirsi il volto con le mani quando i particolari riferiti dai testimoni su quel pestaggio diventano raccapriccianti.

Due donne, due mamme quindi, ma con due modi diametralmente opposti di comportarsi, di vedere la vita, e questo ovviamente si è visto nell’educazione che i figli hanno ricevuto; da una parte Willy, il ragazzo dagli occhi buoni dall’altro due ragazzi feroci, spacconi, violenti, che non si sono mai minimamente neanche pentiti di quello che è successo, al di la della loro colpevolezza, che sarà certamente accertata nelle sedi opportune, loro erano lì quella sera di sicuro ma mai dalle loro bocche è uscita una parola di pietà per quella povera vittima innocente

FONTE: quotidianogiovani.com 

21/09/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

In evidenza

03 DIC 2021

BERGAMO: VINCITRICE DEL ‘LANDASCAPE AWARDS’ 2021

Il progetto della cittadina lombarda era stato già selezionato, dal ministro Franceschini, come il migliore tra altri 97 italiani.

02 DIC 2021

LATTE UMANO PRODOTTO DALLE MUCCHE

La sperimentazione è solo agli inizi ma, nel caso andasse a buon fine, consentirebbe ai neonati di ricevere le sostanze nutritive del latte materno, qualora le madri non possano allattarli al seno.

30 NOV 2021

‘PIU’ LIBRI PIU’ LIBERI’ 2021

Il fil rouge dell’edizione è la ‘libertà’. Uno studio evidenzia che la fascia d’età che legge di più in Italia è quella di bambini e ragazzi fino ai 14 anni.

29 NOV 2021

SONY HA IDEATO UN CONTROLLER MOBILE

Un nuovo brevetto di Sony per un sistema di controllo a marchio PlayStation

26 NOV 2021

EGITTO: IL LUXOR TORNA A SPLENDERE

Dopo il lungo restauro, per celebrare l’apertura al pubblico del Viale delle Sfingi, è stata organizzata una maestosa festa.

25 NOV 2021

MINA-CELENTANO: IL GRANDE RITORNO

Considerati tra i cantanti in assoluto migliori del panorama musicale italiano, tornano con un cofanetto: ‘The Complete Recordings’.

24 NOV 2021

LA MANCANZA DI LUCE SOLARE INFLUISCE SULL'UMORE

Non siamo depressi ci manca solo il sole

18 NOV 2021

FRIDA KAHLO: ASTA RECORD

'Diego y yo’ è stato battuto per circa 35 mln di dollari. Tale cifra, rappresenta un record per un dipinto di un’artista latino-americano

17 NOV 2021

CODACONS: L’INFLAZIONE CRESCE, STANGATA DI 992EURO ANNUI A FAMIGLIA

Il caro-energia non frena la corsa, anche se a ottobre è cresciuta meno rispetto a settembre. Siamo di fronte ad una vera e propria emergenza prezzi.

15 NOV 2021

ASSOUTENTI: IN MENO 230 EURO A FAMIGLIA PER IL NATALE

Il rincaro dei prezzi in tutti i settori, tra Natale e Capodanno, potrebbe determinare un calo complessivo delle spese pari a 4,6 miliardi di euro.