Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti. Cliccando su “Accetta”, proseguendo la navigazione, accedendo ad un’area del sito o selezionando un qualunque suo elemento, acconsenti all’uso dei cookie.

Accetta

Navigazione contenuti

Contenuti del sito

SCOPERTA LA FAGLIA CHE PROVOCO' IL TERREMOTO DI MESSINA DEL 1908

Immagine dell'articolo

E' stata scoperta nei fondali tra la Sicilia e la Calabria la faglia marina che provocò la più grave catastrofe sismica d'Europa, il terremoto-tsunami di Messina-Reggio Calabria del 28 dicembre 1908. E' il risultato di uno studio internazionale condotto sui fondali dello Stretto di Messina e sull'attività sismo-tettonica dell'area dalle Università di Catania e di Kiel (Germania) e dall'Osservatorio etneo dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia.

"L'ecografia del fondale ha consentito di individuare in modo inequivocabile una profonda spaccatura nel fondale dello Stretto di Messina - spiegano i ricercatori -. La faglia mostra evidenze di attività recente poiché disloca il fondale marino con scarpate fino a 80 metri di altezza. L'analisi sismica in ambiente 3D e studi geomorfologici sul terreno hanno poi permesso di seguire la faglia per tutto il suo sviluppo".

Il movimento tellurico del 1908 che oggi è ricordato nei cataloghi sismici come il più potente mai registrato in Europa in epoca strumentale, fece vibrare la terra per più di 30 secondi e portò alla distruzione completa delle città di Messina e Reggio Calabria e di altri numerosi centri minori causando la morte di 100mila persone. Lo scuotimento fu avvertito distintamente in tutta l'Italia meridionale, in Montenegro, in Albania, ma anche in Grecia e a Malta e fu seguito, in meno di 10 minuti, da un'onda di maremoto (tsunami) che superò localmente i 10 metri di altezza.

L'onda si abbatté impetuosa sulle coste dello Stretto aggiungendo devastazione e morte lungo le aree costiere già gravemente danneggiate e dove molti abitanti, impauriti, si erano rifugiati. Sebbene agli albori della sismologia strumentale, il terremoto fu registrato da numerose stazioni sismiche sparse in tutto il mondo che ne collocarono l'epicentro in mare lungo l'asse dello Stretto di Messina.

FONTE:ariamediterranea.it 

 

03/06/2021

Inserisci un commento

Nessun commento presente

In evidenza

11 GIU 2021

COVID: L'UE FISSA L'OBIETTIVO E CHIEDE CHIAREZZA

Fissato il target di Bruxelles

10 GIU 2021

EUROPEI A CASA DEI JACKAL

Inizia lo spettacolo, tutti pronti davanti la tv

09 GIU 2021

LA VARIANTE DELTA SPAVENTA IL MONDO

Il Covid continua a fare paura

08 GIU 2021

È MORTO GUGLIELMO EPIFANI, L’EX LEADER DELLA CGIL

La notizia è stata accolta con enorme dispiacere da tutto il mondo della politica. Epifani è stato il primo socialista alla guida della Cgil.

07 GIU 2021

STEFANO ACCORSI RACCONTA IL “SOGNO AZZURRO”

La miniserie, in onda su Rai1, è un viaggio nel percorso sportivo degli Azzurri, si concluderà il 10 giugno, giorno che precede la partita Italia- Turchia.

06 GIU 2021

GIORNATA MONDIALE DELL’OCEANO

“Tra passato e futuro: verso la Generazione oceano”

05 GIU 2021

GIORNATA MONDIALE DELL’AMBIENTE 2021

La tutela dell’ambiente è un progetto che potrà realizzarsi veramente, mediante sia ad un cambiamento collettivo e globale, che favorendo il ripristino degli ecosistemi.

03 GIU 2021

SCOPERTA LA FAGLIA CHE PROVOCO' IL TERREMOTO DI MESSINA DEL 1908

Nei fondali tra la Sicilia e la Calabria la faglia responsabile della tragedia di Messina

02 GIU 2021

IL TRICOLORE ITALIANO

La Bandiera italiana, verde, bianca e rossa, è ispirata al tricolore francese, rappresenta gli stessi ideali di giustizia, uguaglianza e fratellanza.

02 GIU 2021

SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE IN MEDICINA

Il 20 luglio, sull’intero territorio nazionale, si svolgerà la prova di ammissione alle scuole di specializzazione. Le domande potranno essere inviate entro e non oltre il 3 giugno alle ore 15.